sabato 25 maggio 2019

INVITO AL VOTO







Oggi è il giorno del silenzio elettorale, un momento di riflessione prima del voto.
 
La campagna elettorale dovrebbe essere cessata, i partiti e i candidati dovrebbero stare in silenzio ma sappiamo che non è così. Approfittando di Internet e dei cellulari lo scambio di informazioni, la propaganda continua, le richieste di votare qualcuno o di essere votati arrivano fitte.

Probabilmente ci sarebbero gli estremi perché la magistratura intervenisse ma la cosa, per l’ampiezza del fenomeno, è praticamente impossibile.

Inoltre, abbiamo un esempio autorevole: proprio colui che dovrebbe effettuare i controlli, il nostro Ministro dell’Interno nonché Vice Primo Ministro, come i giornali hanno riportato, nelle ultime tornate elettorali ha sempre messaggiato fino all’ultimo, chiedendo il voto per sé stesso e per il suo partito.

Stante così le cose, mi sento autorizzato a dire la mia, tanto più che non farò nomi di candidati o partiti ma mi limiterò a fare un appello forte, pressante ad andare a votare.

Votate, vota, fate votare per  

UNA EUROPA DIVERSA, PIU’ FORTE, PIU’ GIUSTA, 
UNA VERA FEDERAZIONE:


GLI STATI UNITI D’EUROPA

L'idea di Immanuel Kant, lo stesso Napoleone, di Victor Hugo, il primo a nominare gli Stati Uniti d'Europa, Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi e, dopo la seconda Guerra Mondiale, politici illuminati come Adenauer, Churchill, De Gasperi, Monnet, Schuman, Spaak, Spinelli.





Con più di 500 milioni di Cittadini gli STATI UNITI D’EUROPA non sarebbero solo, come già è, la seconda economia del mondo, ma sarebbero anche una grande potenza POLITICA internazionale in grado di garantire il futuro, la pace e la sicurezza dei suoi cittadini e dare un contributo eccezionale allo sviluppo civile, culturale, economico e sociale di tutti i popoli e nazioni.




Un aforisma di Albert Einstein recita:


Il valore di un uomo dovrebbe essere misurato in base a quanto dà, non in base a quanto è in grado di ricevere.


Ecco, domani tutti noi saremo in grado di dare qualche cosa a noi stessi, ai nostri famigliari, ai nostri amici e a tutti i nostri concittadini, 
ed anche al mondo. Non ti ritirare!



Lo so, siete arrabbiati, delusi, si può dire incazzati? avete problemi gravi e poi vi hanno detto che i nostri problemi sono tutta colpa dell’Euro, dell’Europa, dei burocrati di Bruxelles, dell’egoismo dei tedeschi, che diamo all’Europa più risorse finanziarie di quelle che riceviamo, ecc., ecc..

Siete sicuri che sia vero? 

Questo non è il momento di affrontare questi temi ma una domanda la pongo: tutti i giorni registriamo disservizi, inconcepibili in un paese moderno, tutti i giorni scoppiano scandali politici e finanziari, la corruzione è una piaga tragica, l’evasione fiscale è enorme, la criminalità organizzata spadroneggia, le riforme che aspettiamo da decenni non si fanno, pare che non sia possibile avere una legge elettorale degna di questo nome, diciamo di avere la migliore Costituzione del mondo ma dopo 71anni non pochi articoli sono rimasti inapplicati e la vorremmo cambiare in molti punti. Il clientelismo regna sovrano e il merito non viene premiato: “ma è tutta colpa dell’Europa”.

Siamo seri, assumiamoci le nostre responsabilità, molto, moltissimo di quello che non va è figlio del nostro disinteresse, del nostro disimpegno, del “fanno tutti così”, “tanto in Italia non cambia nulla”, ecc., ecc..

Il mondo non ha mai corso i pericoli che ci sovrastano attualmente, quando c’era la cortina di ferro e gli USA /NATO e l’URSS / Patto di Varsavia si confrontavano e fronteggiavano con le armi in pugno i pericoli erano minori perché il controllo della situazione era nelle mani di due soli soggetti. 
Ora sono tanti i focolai di crisi, troppi paesi hanno la bomba atomica e troppi governi non sono democratici.

Me lo dite dove va l’Italia da sola? Cosa possono fare da soli 60 milioni di italiani in un mondo globalizzato ed essendo isolata dagli altri paesi europei? 

Però potremo decidere autonomamente, senza chiedere permessi a Bruxelles, potremo fare le politiche economico finanziarie che vorremo. 

Be’ sì, è vero, generalmente chi si suicida lo fa da solo.

Domani andiamo a votare, che è meglio, e votiamo per gli STATI UNITI D’EUROPA.

Diamo una prova di “UNITA’ NELLA DIVERSITA’”




Potrebbe interessarvi:

15/01/2014 Marc Tarabella (Parlamentare Belga): “Salvini sei un fannullone”


13/02/2019 Guy Verhofstadt (Parlamentare Belga – capogruppo Liberaldemocratici) 


Nessun commento:

Posta un commento